Consulta Provinciale del Volontariato per la Protezione Civile di Modena: al via le attività contro gli incendi boschivi

Lunedì 27 giugno 2016 - Comunicato stampa CPVPC Modena

Anche in tempo “di pace”, quando la terra non trema e Secchia e Panaro danno tregua al nostro territorio, i volontari della Consulta Provinciale del Volontariato per la Protezione Civile si danno da fare per essere sempre pronti ad affrontare nuove e conosciute emergenze, come quella degli incendi boschivi, che puntualmente si presenta ogni estate con l’arrivo dei primi caldi a minacciare soprattutto il nostro Appennino.

E lo fanno attraverso un intenso programma di formazione, che prevede sia corsi base per gli aspiranti nuovi volontari che si affacciano per la prima volta al mondo della protezione civile sia corsi di “perfezionamento” per i volontari più esperti, appartenenti alle organizzazioni iscritte alla sezione Provinciale dell’ elenco Regionale del Volontariato di Protezione Civile, aderenti alla Consulta.

Tra i corsi di perfezionamento, riveste particolare importanza (soprattutto in questo periodo) quello per operatori volontari di Protezione Civile impiegati nelle attività di spegnimento degli incendi boschivi (A.I.B.), la cui edizione 2016 si è conclusa nel weekend a Castagneto di Pavullo, formando 26 nuovi volontari abilitati, che saranno impegnati in attività di avvistamento, spegnimento e bonifica degli incendi. Organizzato in lezioni teoriche e prove pratiche, con il supporto dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, del Corpo Forestale dello Stato e dei Vigili del Fuoco, il corso prevedeva infatti un esame conclusivo di idoneità tecnica che ha abilitato i partecipanti per il completamento e rafforzamento delle squadre A.I.B già operanti sul territorio provinciale o per la costituzione di nuove squadre, con particolare riferimento al territorio dell’Appennino Modenese, costantemente monitorato nel periodo estivo dai volontari di tutta la provincia.

Il corso, giunto alla quinta edizione (dopo quelle del 2004, 2006, 2008 e 2014) ha formato ad oggi più di 150 volontari e 13 capisquadra (che hanno ricevuto anche una specifica formazione nel 2006), coinvolgendo moltissime associazioni che fanno parte della Consulta. Ad esso sono state affiancate 3 edizioni di un corso specifico per l’avvistamento degli incendi boschivi, che ha formato più di 110 volontari, impegnati il sabato e la domenica nelle 7 postazioni fisse di avvistamento, dislocate sulle vette dell’Appennino Modenese che consentono la più ampia visuale sulle valli sottostanti.

I neoformati volontari integreranno le 7 squadre già esistenti sul territorio e contribuiranno a creare una nuova squadra, che da quest’anno avrà base operativa a Pievepelago. Le squadre, dotate di appositi mezzi, forniranno supporto ai Vigili del Fuoco e al Corpo Forestale dello Stato nelle attività di avvistamento, contenimento, spegnimento e bonifica degli incendi di bosco.

Contenuti collegati

Corso AIB 2016 (10) / Evento

Sabato 25 giugno 2016 ore 08:30 - 18:00 (Pavullo nel Frignano)